FORUM SPORT E BUSINESS

Ad una settimana dalla presentazione del “Piano periferie” con cui il Governo ha stanziato la cifra di 100 milioni di euro per realizzare 183 strutture sportive in tutta Italia, Il Sole 24 Ore ha organizzato il primo Forum Sport e Business dedicato alle nuove frontiere della sport industry. A confrontarsi sulle dinamiche economiche, gli aspetti finanziari, giuridici e manageriali del mercato sportivo, nella sede di Milano del Gruppo 24 ORE giovedì 20 ottobre alcuni dei principali esperti e protagonisti di riferimento del settore.

I lavori della giornata si sono aperti con un intervento di Marco Nazzari, Chief Revenue Officer Europe e Managing Director Italy di Nielsen Sports, che ha presentato lo scenario internazionale e gli sviluppi nei prossimi anni della sport industry.

A seguire, la prima tavola rotonda, moderata dal giornalista de Il Sole 24 Ore Marco Bellinazzo, ha fatto il punto sullo stato dello sport in Italia: ne hanno discusso il Presidente della Federazione Italiana Tennis Angelo Binaghi, l’Amministratore delegato di Coni Servizi Alberto Miglietta e il Presidente della FIGC Carlo Tavecchio.

Con un’introduzione di Gianluca Fusco, di A2A Smart City, il Forum Sport e Business de Il Sole 24 Ore è continuato ponendo l’attenzione sulla costruzione e la gestione degli impianti sportivi: è sempre più forte, infatti, il bisogno di un’evoluzione della cultura sportiva che passi anche attraverso la creazione di nuove strutture, moderne, sicure e tecnologiche, dove lo sport possa trovare la giusta collocazione e dove si possa coinvolgere lo spettatore. A parlarne giovedì 20 ottobre sono stati il Presidente della Lega Calcio di Serie B Andrea Abodi, il Responsabile della Delegazione Assoimmobiliare Impianti Sportivi e Real Estate Partner Sportium Fabio Bandirali, il Presidente della Fondazione Patrimonio Comune Alessandro Cattaneo, ed Elisa Portigliatti, Corporate Product Manager Sport Line di Mapei.

Altro tema chiave su cui il Forum Sport & Business del Sole 24 Ore si è concentrato è quello degli scenari che stanno trasformando la visibilità live e l’interattività dello sport sulle diverse applicazioni e i diversi dispositivi, in conseguenza del fatto che lo sport è sempre più al centro dei palinsesti dei maggiori broadcaster e delle diverse piattaforme nazionali ed internazionali. Il tema è stato approfondito con il contributo di Andrea Bassani, Chief Television & New Media Rights Officer di Euroleague Basketball, Federico De Mojana, Head of Programming Olympic Channel Services, Luigi De Siervo, Amministratore Delegato di Infront, Salvatore Ippolito, Country Manager di Twitter Italia, Marco Foroni, Head of Fox Sports Italy, e Jacques Raynaud, Executive Vice President Sport Channels & Sky Media.

I lavori sono ripresi nel pomeriggio con un focus dedicato alle Olimpiadi di Rio 2016: il giornalista di Radio 24 Dario Ricci ha intervistato il Vice Campione Olimpico della Nazionale Italiana di Pallanuoto Matteo Aicardi, il Commissario Tecnico della Nazionale di Pallanuoto Maschile Alessandro Campagna, la campionessa olimpica Elisa Di Francisca, Argento nel fioretto individuale a Rio 2016 e oro a Londra 2012, e il Nuotatore Vincitore di sette medaglie paralimpiche Federico Morlacchi.

Il focus si è quindi spostato sul cosiddetto “Sport 3.0”. Capito infatti come l’evoluzione tecnologica sia diventata fondamentale nella fruizione dello sport e nella sua comunicazione, le aziende stanno oggi convergendo ed investendo in tecnologia per rendere lo sport più ingaggiante, interattivo e monetizzabile. A parlarne, dopo un’introduzione di Roberto Brambilla, Professional Sales Director Italia, Grecia e Israele di Philips Lighting, sono stati Sergio Abate, Chief Digital Officer di Sport Network, Stefano Bernabino, Editorial Director di Eurosport, Matteo Campodonico, Founder and CEO di Wyscout, Massimo Cortinovis, Founder and CEO di Stylum, Fabio Guadagnini, Former Direttore Sky Sport, Fox Sport e Roma2024, ed Enrico Roselli, CEO di LM Europe.

Quando si parla di sport, in Italia, non si può non dedicare un’attenzione particolare al calcio. L’attenzione si è quindi spostata sulla gestione delle società di calcio rispettando i parametri imposti dalla UEFA e su quale possa essere la ricetta per raggiungere l’obiettivo di differenziare le fonti di ricavo e aumentare i fatturati nel calcio italiano. A discuterne sono stati il Presidente della Lega Calcio di Serie A Maurizio Beretta, l’Head of Licensing and Financial Fair Play (FFP) UEFA Andrea Traverso e il Direttore Generale della FIGC Michele Uva.

Quanto i grandi eventi sportivi possono influire sull’economia di un intero Paese e come un evento può portare una concreta eredità sul territorio e ai suoi cittadini? Dopo il no alle Olimpiadi di Roma 2024, a chiudere il Forum Sport e Business de Il Sole 24 Ore è stato un confronto sui grandi eventi dei prossimi anni e le loro ricadute economiche. A discuterne, dopo un introduzione di Matteo Giordano Pastore, Founder di MGP Sports Consulting e Coordinatore Scientifico del Master Sport Business Management 24 ORE Business School, saranno il Direttore Marketing e Sviluppo del CONI Diego Nepi Molineris, il Direttore Generale di Progetto Ryder Cup 2022 Gian Paolo Montali, l’Amministratore Delegato della Fondazione Cortina 2021 Paolo Nicoletti e il First VP, Head of Group Strategic Sponsorships di UniCredit Group Daniele Penna.

Per informazioni: http://eventi.ilsole24ore.com/forum-sport

Ho attirato la tua attenzione?

Compila il form cercando di spiegarmi quali sono le tue esigenze e sarai ricontattato al più presto.

Please leave this field empty.